F.A.Q.

  • Problema: veicolo prodotto in unico esemplare.

    Cosa significa? Veicolo per il quale non sono state fatte dal costruttore ( carrozziere o “piccolo” elaboratore) prove di verifica del rispetto di almeno una delle direttive valide nella CE (es: veicoli in serie numeriche limitatissime).

    Cosa dev’essere fatto? Prove che dimostrino il rispetto dei parametri minimi imposti dalle direttive comunitarie (es: prove frenatura, emissione inquinanti, potenza….).

    Cosa facciamo:

    • organizzazione di prove presso laboratori specializzati e specificamente attrezzati.
    • esecuzione di prove quando sono possibili con strumentazioni nostre (es: rilievo rumore, rilievi dimensionali, rilievi ponderali, rilievi di pressione, spessori con strumenti ad ultrasuono etc….).
    • calcoli strutturali secondo norme approvate (ADR, UNI EN, ISO, etc…).
    • preparazione documenti e iter burocratico.

    Cosa ottiene il cliente: documenti ufficiali rilasciati da Enti Competenti (es: uffici del Ministero dei Trasporti, Motorizzazione o Centro Prove Autoveicoli) che consentono la successiva immatricolazione del veicolo presso la nostra struttura o consulenti del settore veicoli.

  • Problema: omologazione di veicoli e unità tecniche indipendenti per la costruzione in serie.

    Cosa significa? Si ottiene l’approvazione del prototipo di una serie di veicoli/unità tecniche indipendenti.

    Cosa viene fatto? Prove che dimostrano il rispetto dei parametri previsti dalle direttive comunitarie e/o nazionali (es: calcoli strutturali, rispetto direttiva macchine, etc…).

    Cosa facciamo:

    • calcoli strutturali.
    • calcoli ad elementi finiti.
    • controlli di natura tecnica ed amministrativa per il superamento delle prove periodiche previste dalla norma.
    • preparazione documenti e iter burocratico.

    Cosa ottiene il cliente: documenti ufficiali rilasciati da enti Enti Competenti (es: Ministero Trasporti, Motorizzazione Civile o Centro Prove Autoveicoli) che consentono la immatricolazione del veicolo utilizzando la nostra struttura o consulenti del settore veicoli.

  • Problema: recupero di rottami ferrosi e non ferrosi.

    Cosa facciamo: Progetti di impianti per recupero rifiuti in conformità al decreto ambientale (n.152 03/04/06) e successive modifiche/integrazioni.

    Cosa ottiene il cliente:

    • Progetto d’impianto.
    • Autorizzazioni per la gestione dell’impianto.
  • Problema: gestione di un parco di veicoli industriali con riferimento alle scadenze di legge.

    Cosa significa?

    • revisione periodica di veicoli,
    • revisione periodica di cisterne prevista da norme specifiche (es: ADR)
    • rilascio/rinnovo certificati ADR internazionali,
    • iscrizione nell’albo degli smaltitori rifiuti,
    • iscrizione nell’albo degli autotrasportatori,
    • rizzaggio di veicoli su navi

    Cosa facciamo:

    • controlli preliminari di natura tecnica ed amministrativa per il superamento delle prove periodiche previste dalla norma.
    • preparazione documenti in base alle norme vigenti previo eventuale adeguamento veicolo alla norma e iter burocratico.

    Cosa ottiene il cliente: documenti che attestano il rispetto di ogni scadenza di legge.

  • Cosa significa?

    • Elaborati tecnici previa analisi del problema.
    • Calcoli di stabilità per veicoli attrezzati con apparecchi di sollevamento (gru, sponde caricatrici, etc…).
    • Esame macchine secondo “Direttiva Macchine”.